Archivi categoria: Appelli

Firmiamo! Per le nuove cure anti Epatite C a chi ha una coinfezione Hiv/Hcv

20150918-petizioneFonte: Lila.it

Ha preso il via con una lettera che come Lila abbiamo deciso di pubblicare, è diventata un appello ed è stata sottoscritta da quasi 5mila di cittadini indignati. Rilanciamo ora, insieme alle associazioni Nadir e Plus, la petizione per l’accesso delle persone con co-infezione alle terapie innovative contro l’Epatite C.

Nonostante una co-infezione da Hiv, Epatite C, Epatite B e l’emofilia – una malattia che provoca gravi problemi di coagulazione del sangue, Carlo non ha accesso ai nuovi farmaci anti Hcv. Ma se il suo fegato raggiungesse lo stadio gravità necessario per ottenerli secondo i criteri oggi stabiliti da Aifa, sarebbe troppo tardi per lui. Carlo (nome di fantasia) ci ha inviato una forte lettera di richiesta di aiuto nei mesi scorsi. Con il suo consenso, abbiamo deciso di inviarla alla ministra della Salute Beatrice Lorenzin e, successivamente, di pubblicarla. È nata così la petizione “Carlo non deve morire” che è stata lanciata a luglio dal sito firmiamo.it e che, finora, ha raccolto l’indignazione di quasi 5.000 cittadini. La rilanciamo oggi, insieme alle associazioni Nadir e Plus, con l’obiettivo di raccogliere un numero ancora maggiore di firme, per chiedere all’Aifa una revisione dei criteri oggi definiti per l’accesso alle nuove cure.

Vi invitiamo a firmare tutti la petizione: Carlo non deve morire: L’Aifa gli conceda le medicine!

Alcune ragioni per cui noi lo abbiamo fatto:

“La storia di Carlo rappresenta bene la condizione in cui si trovano di circa 8000 persone con co-infezione Hiv e Hcv e un grado di fibrosi F2, che sono a rischio vita nei prossimi cinque anni, ma che oggi non hanno accesso alle cure rimborsate dal Ssn. Attraverso le sue potenzialità di coinvolgimento dei cittadini, la petizione rappresenta un importante strumento di informazione e sensibilizzazione”.
Massimo Oldrini, LILA Nazionale

“Ci sono dei dati scientifici che sostengono che l’Epatite C nelle persone con Hiv evolve in cirrosi con la stessa rapidità, se non maggiore, di quanto avviene – ad esempio – per le persone che hanno avuto un trapianto di rene, attualmente incluse tra coloro che hanno accesso ai nuovi trattamenti. Non si può fare una guerra  tra poveri, ma non si capisce perché, a parità di rischi, una categoria di malati abbia l’accesso prioritario ai nuovi farmaci e l’altra no. In Francia e Portogallo le persone con co-infezione Hiv/Hcv hanno riconosciuta una priorità nell’accesso alle cure contro l’Epatite C”.

Giulio Maria Corbelli, Plus Onlus

“L’epatite C rappresenta oggi nelle persone con Hiv una delle principali cause di morte, oltre che di aumentata morbosità̀ e complicanze cliniche. Per questo motivo, la co-infezione Hiv/Hcv è indicata, anche nelle più̀ recenti linee-guida internazionali sul trattamento dell’epatite cronica C (Easl 2015), come un fattore prioritario nell’accesso al trattamento”.
Simone Marcotullio, Nadir Onlus

Annunci

Accesso equo alle cure per l’Epatite C

sovaldiFonte: Lila

LILA ha aderito alla petizione lanciata dalle organizzazioni europee Itpc e Tag per chiedere alla Gilead minori limitazioni nella produzione del rivoluzionario farmaco antivirale da parte di aziende farmaceutiche produttrici di farmaci generici.

Espansione della copertura geografica delle licenze concesse alle industrie di farmaci generici per la produzione e distribuzione del Sofosbuvir; eliminazione delle restrizioni alla ricerca e alla produzione degli ingredienti farmaceutici attivi alla base del farmaco e modifica delle politiche “anti-diversione” adottate dall’azienda farmaceutica per controllare il consumo della versione generica della cura: sono tre le richieste della petizione alla Gilead lanciata il 28 gennaio dall’International Treatment Preparedness Coalition (Itpc) e dal Treatment Action Group (Tag), cui LILA ha aderito.

La petizione, diretta a John Martin, presidente del Consiglio di Amministrazione della Gilead, evidenzia come le politiche sui prezzi e sulla concessione di brevetti adottate dalla società per il farmaco Sofosbuvir e per gli altri medicinali per il contrasto dell’Epatite C, come il Ledipasvir e il GS-5816, “sono incompatibili con l’accesso universale alle cure”. Il testo si riferisce agli accordi stipulati dalla Gilead con numerose fabbriche indiane per la produzione di generici, in cui la società americana ha imposto forti restrizioni, come l’esclusione di determinati paesi dalla distribuzione. Leggi il resto di questa voce